I Borbone: «Piemontesi bastardi!»

La verità rubata

Autore

Anno

Pagine

276

Caratteristiche

Brossura

Formato

ISBN

(5 recensioni dei clienti)

16,90

Spedizione express gratuita per ordini superiori a €19

Spedizione standard gratuita

Nel Lager di Fenestrelle in Piemonte oltre 5000 soldati Borbonici vengono fucilati, molti altri vengono fatti morire di freddo e di stenti. Prima di essere fucilati i poveri militari, traditi dai loro stessi comandanti, gridavano “Bastardi Piemontesi-Italiani” ai loro aguzzini. Massimo d’Azeglio dice che mettersi con il Sud è come andare a letto con un cadavere lebbroso. “Africanissima Gente” diceva il Farini.

Il cugino del bandito Ciccone incontra il capitano spagnolo Pamplona e gli parla dell’oro con il quale gli Inglesi corrompevano i generali napoletani affinché facessero ritirare la loro truppa che avrebbe vinto con estrema facilità.

L’autore porta alla luce, in questo saggio-romanzo, innumerevoli realtà che coinvolgono gli interessi di Francia e Inghilterra. Come sarebbe stato bello per noi se la Storia fosse stata scritta anche dai vinti, e non solo dai vincitori. Avremmo potuto avere una visione globale di cose successe e nascoste nei secoli. I nostri figli avrebbero studiato la realtà da due punti di vista e nessuno forse avrebbe più il coraggio di schierarsi apertamente né dall’una né dall’altra parte. Cini, tramite le sue ricerche, ha avuto un’intuizione che svela attraverso la confessione e il ricordo di un ufficiale borbonico, un vinto appunto. Riesce a fare un’analisi quanto mai precisa di una serie di avvenimenti sconosciuti alla maggior parte degli Italiani.

Con questo libro si è voluto fare chiarezza e rivelare, finalmente, cosa può essere veramente successo nell’Italia Meridionale con lo sbarco dei Mille e cosa fosse stato tramato dalle più grandi Nazioni europee di quel periodo. Una verità che, nonostante le testimonianze e i documenti visibili ai più, rimane ancora completamente sconosciuta. Una rivelazione da suggerire come lettura per un pubblico attento e che vuole finalmente arrivare a essere a conoscenza della verità, purtroppo scomoda ma pur sempre una verità.

5 recensioni per I Borbone: «Piemontesi bastardi!»

5,0
Basato su 5 recensioni
5 stelle
100
100%
4 stelle
0%
3 stelle
0%
2 stelle
0%
1 stella
0%
  1. Martino Nazario Specchiulli (acquisto verificato)

    da non perdere.

    (0) (1)
  2. Diego Giovinazzo (acquisto verificato)

    Ho apprezzato la forma narrativa, che si discosta dall’usuale impostazione di altri testi che trattano il periodo borbonico con l’intento di “rivelare” i fatti storici che sono ignorati dalla storiografia ufficiale. Valuto il testo un contributo a far emergere quella “verità che nonostante i documenti” degli archivi accessibili, continua ad essere negata negli insegnamenti scolastici.

    (0) (1)
  3. Pier Luigi B. (acquisto verificato)

    L’interpretazione dei fatti che hanno portato all’unificazione é illuminante. La forma di romanzo storico non giova, la scrittura é eccessivamente barocca.

    (0) (2)
  4. Salvatore (acquisto verificato)

    Lo sto ancora leggendo ma già posso dire che è un libro dalla lettura scorrevole e ricco di notizie storiche

    (0) (0)
  5. Pierluigi (acquisto verificato)

    Lettura interessante e scorrevole

    (0) (0)
Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare…

Prodotto aggiunto!
Il prodotto è già nella tua lista desideri
Rimosso dalla lista dei desideri
Cosa dicono i nostri clienti
76 recensioni