Su Radio Marte “Il giallo della benzina solida”. Serena Licalzi e Gianni Simioli intervistano Salvo Bonfirraro

Poteri oscuri e grossi interessi internazionali hanno impedito la divulgazione di questa strepitosa scoperta e della sua formula di fabbricazione. Finalmente oggi nota grazie all’intuizione del giornalista Salvatore Cosentino e del suo saggio d’inchiesta Il giallo della benzina solida. Un’invenzione sensazionale realizzata dall’ingegnere Gaetano Fuardo da Piazza Armerina. Un carburante che galleggia in acqua come il sughero (e quindi non inquina i mari) ed evita gli incendi sugli aerei e su ogni altro mezzo che utilizza i carburanti. Manda in pensione le petroliere e i distributori stradali (perché viene commercializzato allo stato solido, confezionato in scatola come i detersivi). Riduce almeno del 50 % il costo dei prodotti petroliferi.

Eppure la scoperta che avrebbe potuto rivoluzionare il mondo dell’energia, sembra essersi persa negli anni, facendo diventare quella di Fuardo una vera e propria spy story, avvolta tra nazisti (si dice che anche Hitler fu conquistato dall’idea) misteri e strategie di occultamento da parte dei poteri forti.

ascolta l’intervista a Salvo Bonfirraro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 
 
 

Prodotto aggiunto!
Il prodotto è già nella tua lista desideri
Rimosso dalla lista dei desideri
Cosa dicono i nostri clienti
75 recensioni